Il luogo più sicuro dove coltivare il dubbio

Anno II - Numero 47

Cambia prima di essere costretto a farlo.
Jack Welck

martedì 27 dicembre 2016

Mps, una crisi venuta da lontano

Nelle discussioni sul salvataggio del Monte dei Paschi è assente la prospettiva storica dell’evoluzione del rischio di insolvenza delle banche italiane. Gli istituti di credito infatti non falliscono in un giorno. Perché la crisi arriva da lontano e i fattori che hanno contribuito ad aggravarla.

di Roberto Rossi e Davide Mare

Sulla strada per l’insolvenza
All’indomani dell’esito del referendum costituzionale, il dibattito politico ruota nuovamente sul cosiddetto “salvataggio” del Monte dei Paschi di Siena sulla salute del sistema bancario italiano. La discussione ignora due aspetti principali della questione: l’evoluzione storica del rischio di insolvenza e i fattori che hanno portato a un aumento della rischiosità.
Continua a leggere...

Ritorno al protezionismo: ecco dov'è il paradosso

Nel mondo tira un’aria preoccupante di rifiuto del libero scambio. Brexit e Trump sono i sintomi di una nuova forma di nazionalismo. Che respinge gli accordi di libero scambio e promuove l’innalzamento di barriere. Un paradosso, dato che la globalizzazione ha abbattuto la povertà estrema.

di Claudio Dordi e Alessandra Moroni

Brexit, l’elezione di Trump e le inquietudini in numerosi stati della Ue sono i sintomi di un nuovo nazionalismo, che fonda le sue radici nell’avversione verso la globalizzazione e i suoi effetti quanto a flussi migratori, riorganizzazione delle catene produttive e delocalizzazione. E verso i trattati di libero scambio più recentemente negoziati, come Tpp (Trans Pacific Partnership) e Ceta (Comprehensive Economic and Trade Agreement). Ma un ritorno a politiche protezionistiche è concretamente realizzabile?
Continua a leggere...

Pillole avvelenate di un Natale italiano

Fine della telenovela MPS: interverrà lo Stato, cioè i contribuenti, cioè noi (o quasi tutti noi). Gli obbligazionisti hanno fatto la loro parte, con quasi 2,5 miliardi di euro di adesione spintanea alla conversione azionaria, tra istituzionali e retail. Peccato per la desolante assenza di “anchor investor“: né Qatar, né Re Magi assortiti. Ma non temete: vi diranno che la colpa è del No al referendum costituzionale, perché tutto va ricondotto alla Narrazione. Che comunque non è esclusiva renziana, sia chiaro.
Continua a leggere...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...